Polisportiva Antal Pallavicini

Costruiamo il futuro
dei nostri giovani atleti

We build our young athletes future

Fai una donazione alla Polisportiva

Supporta le nostre attività
News

La nostra storia

Aquila Pallavicini

Chi l’ha voluta: l’Arcivescovo di Bologna Cardinale GIACOMO LERCARO che nel 1955 ebbe in dono il complesso “Pallavicini”. In questo complesso – ed in considerazione dei problemi sociali di allora – il Cardinale volle destinare il complesso stesso a tre finalità: un “casa” per i giovani bisognosi (dell’appennino, del meridione), un “centro professionale” (i giovani debbono imparare un lavoro), una “POLISPORTIVA” (con lo scopo di propagandare e praticare l’attività sportiva intesa come mezzo di formazione fisica e morale della gioventù, nello spirito dei principi Cristiani, prefiggendosi – fra l’altro – di promuovere un sano impiego del tempo libero e favorire la crescita culturale ed umana degli atleti e loro famigliari)

Il Cardinale Giacomo Lercaro delegò don GIULIO SALMI per la realizzazione di tali obiettivi.

Chi l’ha fondata: il 18 novembre 1959 in apposita riunione sotto la presidenza del Dott. Giuliano Rossini presidente provinciale C.S.I.

ed alla presenza di:

  • Comm. Achille Baratti presidente regionale F.I.P. e vice presidente regionale del C.O.N.I.
  • don Saverio Aquilano Assistente ecclesiastico diocesano del C.S.I.

viene costituita la Unione Sportiva C.S.I. ANTAL PALLAVICINI con la lettura dello Statuto che viene approvato all’unanimità.

Per acclamazione viene eletto a primo Presidente Don GIULIO SALMI delegato arcivescovile dell’O.N.A.R.M.O.

Nella stessa riunione l’Assemblea approva pure il primo Consiglio Direttivo così formato:

  • Presidente:                           Can. Don Giulio Salmi
  • Vice Presidente:                  Don Francesco Cuppini
  • Consulente ecclesiastico:  Don Libero Nanni
  • Segretario:                            Sig. Carlo Marri
  • Direttore Tecnico:               Prof. Cesare Renato Ottaviani
  • Medico sociale:                   Dott. Luigi Guasina
  • Cassiere:                               Dott. Dario Fini
  • Consigliere:                         Dott. Corrado Salvatore
  • Consigliere:                         Sig. Umberto Fabbri
  • Consigliere:                         Sig. Giancarlo Turrini
  • Consigliere:                         Sig. Enzo Ventura
  • Consigliere:                         Sig. Paolo Tondi

 

Perché Antal: Antal significa ANTONIO in ungherese.
Nella prima riunione del Consiglio di Presidenza (18 novembre 1959) fu deciso di indicare il nome ANTAL alla Polisportiva PALLAVICINI a ricordo dell’ufficiale ungherese – appunto Antal Pallavicini – eroe della rivoluzione magiara.

Durante “i fatti di Budapest del 1956” fece da custode al Cardinale Mindszenty, Primate d’Ungheria; per la sua lotta generosa a favore della libertà, fu processato a porte chiuse e fucilato.

Antal Pallavicini appartenne al ramo ungherese della nobile famiglia, antica proprietaria della Villa, in cui ha sede la nostra Polisportiva.

 

Lo stemma e il motto: Sin dalla costituzione della Polisportiva, l’allora Presidente don Giulio Salmi assegnò, come emblema degli atleti della Polisportiva “l’AQUILA”.

L’AQUILA come espressione di libertà, per volare sempre più in alto, liberi dal peso della materia che ci ingombra per essere più forti.

Emblema della polisportiva è un’aquila, simbolo di libertà, che ha nel cielo la propria aspirazione ed ha come motto l’invito biblico “Si rinnovi come l’aquila la tua giovinezza”. (Salmo 103)

 Ti spoglierai del tuo uomo vecchio, come l’aquila si spoglia della sua vecchiezza (Origene).

La tua giovinezza sarà rinnovata per sempre in una vita incorruttibile (Eusebio).

L’aquila simboleggia e profetizza la risurrezione (Atanasio).

I colori: giallo oro – rosso bordeaux

… dallo Statuto: L’Associazione è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà, pluralismo. Ha lo scopo di propagandare, praticare, incrementare l’attività sportiva dilettantistica, intesa come mezzo di formazione fisica e morale della gioventù.

Nel perseguire le proprie finalità statutarie la Polisportiva si ispira ai principi cristiani in ordine alla formazione integrale della persona umana e allo sviluppo armonico delle doti fisiche, morali e intellettuali.